Come vedere gli ascolti su Spotify

Nell’era digitale Spotify è sicuramente uno dei servizi più conosciuti, una piattaforma evoluta che permette di ascoltare musica in streaming. L’accesso è consentito da qualsiasi dispositivo, fisso o mobile, tuttavia per usare Spotify su tablet e smartphone è necessario scaricare l’app, da Google Play Store o App Store, compatibile con sistemi Android e iOS. Questa piattaforma vanta un archivio impressionante di brani musicali, con canzoni vecchie e moderne di qualsiasi genere. Inoltre mette a disposizione degli utenti due versioni, una di base gratuita, ma limitata e contenente annunci pubblicitari, l’altra invece a pagamento con tantissime funzionalità aggiuntive.

Spotify su smart TV

Uno dei vantaggi principali di Spotify è la sua compatibilità con qualsiasi dispositivo, comprese le smart TV. Scaricando l’apposito programma è possibile ascoltare brani e vedere i video musicali, senza dover accedere dal proprio smartphone o dal pc. Per vedere Spotify sulla smart TV bisogna innanzitutto controllare che sia connessa a internet, dopodiché basta effettuare il download della piattaforma, eseguibile sui modelli di smart TV di LG, Samsung, Philips, Android TV, Amazon Fire, Sony e Sharp. Per scaricare Spotify è necessario accedere al menù principale, entrare nella sezione di ricerca e trovare l’applicazione. Una volta individuata bisogna avviare l’installazione di Spotify sulla smart TV, mentre al termine dell’operazione basta avviare il programma.

Come abbonarsi a Spotify

Come accennato Spotify presenta due versioni, una gratuita e l’altra a pagamento. Per evitare le interruzioni dei brani musicali, a causa della comparsa degli annunci pubblicitari, oppure per usufruire delle funzionalità aggiuntive, come la possibilità di creare playlist personalizzate e scegliere le canzoni da riprodurre, è necessario effettuare l’abbonamento. Questo prevede i primi 30 giorni free, entro i quali è possibile disdire il servizio senza pagare penali o commissioni di recesso. I costi dipendono invece dal profilo scelto, tra Premium a 9,99€ al mese, Family a 14,99€ al mese per connettere fino a 5 dispositivi, oppure Students a 4,99€ al mese. Per abbonarsi a Spotify basta creare un account, selezionare il profilo scelto ed effettuare il pagamento, con Paypal, carta di credito o di debito.

Quanti giga consuma Spotify

Per utilizzare l’applicazione di Spotify senza interruzioni è importante considerare il consumo di dati, perciò bisogna controllare che all’interno del proprio piano internet ci siano giga a sufficienza per supportare la piattaforma. Il consumo dipende dalla qualità della riproduzione dei brani e dal piano tariffario scelto, impostazioni che possono essere gestite nelle configurazioni dell’applicazione, all’interno del proprio account personale Spotify. La modalità meno impegnativa per il traffico dati è quella automatica, che consente di risparmiare giga attraverso l’ottimizzazione della qualità, realizzata automaticamente dalla piattaforma. In alternativa si può scegliere l’opzione normale, il cui consumo è pari a 96 kilobit al secondo, quella alta che arriva a 160 kilobit al secondo, oppure la massima con 320 kilobit al secondo, quest’ultima disponibile soltanto per i profili Premium.

Ascolti su Spotify

Spotify mette a disposizione degli utenti diverse funzionalità, tra cui la possibilità di vedere gli ascolti, presente sia nelle versioni gratuite che in quelle Premium, per visionare il numero di riproduzioni di ogni brano musicale. Per accedere a questo servizio dal pc basta entrare nel proprio account Spotify, selezionare una canzone e posizionare il mouse al di sopra della riga dove viene mostrato il brano, senza cliccarci sopra. In questo modo si aprirà una finestra automatica, con il numero di utenti che hanno già ascoltato il brano musicale. Allo stesso modo è possibile entrare nella pagina del singolo cantante, per vedere tra le altre informazioni anche le riproduzioni per ogni singolo pezzo.

Per eseguire l’operazione dai dispositivi mobili la procedura è leggermente differente. Su smartphone e tablet tale opzione non è evoluta come quella presente sul pc, tuttavia si possono vedere gli ascolti delle canzoni più ascoltate su Spotify di un determinato artista. Per farlo bisogna sempre aprire la pagina del cantante, dove sulla destra verranno mostrati i 10 brani più richiesti, mentre sotto al titolo della canzone si potranno visualizzare anche i numeri relativi alla riproduzioni. Spotify fornisce un’altra funzionalità interessante, che permette di vedere la cronologia personale, servizio che consente di ritrovare un brano musicale che si vorrebbe risentire, ma di cui non si ricorda più il nome dell’artista o della canzone.

Per usufruire di questa opzione bisogna andare nella cronologia, accedendo da pc attraverso un click del mouse sui tre puntini oppure sul simbolo dell’ingranaggio, direttamente dalla schermata principale della piattaforma. In questo modo apparirà la lista dei brani in riproduzione, con un elenco delle canzoni già ascoltate e quelle che verranno riprodotte, mentre cliccando sulla voce coda si possono effettuare modifiche alla scaletta. Dai dispositivi mobili, invece, è possibile soltanto gestire i brani in coda, aggiungendo o eliminando alcune canzoni dalla lista di riproduzione. In alternativa, per vedere gli ascolti su Spotify, si può utilizzare un servizio esterno, Spotify.me, una piattaforma ufficiale compatibile con il programma originale. Bisogna accedere al sito web, registrarsi all’interno del portale e aprire il software. Così facendo sarà possibile visionare tutti i brani ascoltati su Spotify, oltre alle informazioni sugli artisti e i brani.

Leave a Reply